Tag Archives: Stefano Bottoni

Oggi il comico Poltronieri presenta il suo nuovo libro

30 Giu

downloadAndrea “Sax” Poltronieri, comico e musicista, nella sua inedita veste di scrittore oggi alle 17.30 presenta il suo ultimo libro “Note appuntate” (La Carmelina Edizioni – collana “Autori a corte”) alla Porta degli Angeli in via Rampari di Belfiore, 1 a Ferrara. L’evento, organizzato dal progetto GATE-Porta degli Angeli dell’Associazione Evart presieduta da Erika Scarpante, vedrà presente, oltre all’autore, anche Roberta Marrelli con un reading e Stefano Bottoni nel ruolo di presentatore. Infine, domani alle 19 sempre alla Porta degli Angeli inaugura la mostra collettiva “Concerto dei silenzi”, visitabile fino al 19 luglio e con opere di Stefano Bonazzi, Matteo Farolfi, Virginia Mori, Emiliano Rinaldi, Fabio Selvatici ed Eugenio Squarcia.

Andrea Musacci

Piace quel pianista fuori posto sulla strada

1 Set

Pianista, Bottoni, Franceschini

“Ah, ma è un pianista…!”. Molto è stato lo stupore dei passanti nel vedere un pianista con pianoforte a coda. Si chiama Paolo Zanarella, è un padovano classe ’68, camicia, pantaloni e scarpe nere, collanina con croce al collo, occhiali e capelli mossi. La sorpresa, insomma, di trovare un “pianista fuori posto”. È lui stesso a definirsi così, e in molti di sicuro l’avranno pensato. A giudicare, però, dalla calca che regolarmente si forma per ascoltarlo, Zanarella sembra, al contrario, ottimamente integrato nel contesto dei Buskers. Un affetto che si è guadagnato già l’anno scorso, quando partecipò come accreditato, e che quest’anno, da invitato, ritrova ancor più grande. Colpiscono non solo la bellezza delle sue composizioni ma anche la sua capacità di intrattenere. Infatti, spesso, tra un brano e l’altro, si alza, sorride e va verso il pubblico con le braccia allargate, come per ringraziarlo e al tempo stesso accoglierlo. Inoltre, saluta e coinvolge alcuni bambini nell’ “accompagnarlo” in alcuni motivetti.

Pianista fuori posto

Anche mentre suona non disdegna di sorridere a chi lo ascolta, ai fotografi, di guardarsi intorno come a cercare gli sguardi delle persone, a chiamarli con gli occhi, oltre che con la musica. E la gente ricambia questo calore stringendogli la mano e acquistando i suoi cd, “L’amour” e “Viaggio in pianoforte”. Un banchetto, infatti, davanti al suo pianoforte, raccoglie – oltre ai cd e ai segnalibro – la rassegna stampa a lui dedicata in giro per l’Italia e un cappello per le offerte. Di fianco, su un leggio è  appoggiato un album con le foto delle sue esibizioni in borghi medievali, in campi o in un canale di Venezia. Venerdì sera, un simpatico siparietto l’ha visto coinvolto insieme a Stefano Bottoni, Direttore Artistico del Festival, e al Ministro Dario Franceschini, venuto da Roma ad assistere anche allo spettacolo di questo talentuoso e simpatico artista.

Andrea Musacci

Pubblicato su la Nuova Ferrara il 01 settembre 2013