Tag Archives: IBO Italia

Da Kicman in Ucraina a Ferrara: Agnese è sempre in prima fila

12 Mag
Agnese Di Giusto

Casco bianco IBO, ha dovuto lasciare per la guerra. Ma qui prosegue il suo servizio

Da alcune settimane Agnese Di Giusto nei locali della parrocchia di S. Maria deiServi a Ferrara tiene corsi di lingua italiana a un gruppo di bambini ucraini dai 5 agli 11 anni d’età, mentre quando la incontriamo sta tenendo la sua prima lezione settimanale ad alcuni adulti (Qui le loro storie: Fra le lacrime si cerca di rinascere: i racconti di tre donne ucraine).

«I bambini hanno tanta voglia di imparare, sono molto curiosi, fanno molte domande», ci spiega Agnese. E non hanno perso la voglia di giocare. «Con gli adulti, invece, all’inizio ero un po’ preoccupata, perché non volevo, durante la lezione, toccare tasti dolenti che potessero intristirle, come ad esempio nell’insegnar loro a dire se sono sposate, o vedove… Ma sono informazioni importanti, che verranno loro chieste quando dovranno fare i documenti».

Pochi ma intensi mesi a Cernivci

Agnese è volontaria come Casco bianco per IBO e fino a febbraio era inserita come volontaria nel Centro riabilitativo per minori disabili “Campanellino” a Kicman, un paesino vicino a Cernivci, nel sud ovest dell’Ucraina, a poca distanza dal confine rumeno. In quella zona del Paese, IBO collabora anche con l’Associazione “Gente buona di Bukovina”.

Ventotto anni, laureata in educazione professionale, Agnese è originaria di Buja, provincia di Udine, dove, oltre a insegnare yoga, prima di iniziare il Servizio civile ha lavorato come educatrice in un Centro per minori stranieri non accompagnati.

A Ferrara, dove prosegue il suo anno di Servizio civile, si occupa principalmente di aiutare lo staff di IBO a organizzare e coordinare la raccolta di beni di prima necessità da inviare a Cernivci per sostenere la comunità locale nel far fronte al grosso numero di sfollati che stanno arrivando dalle zone più colpite del Paese. E a Cernivici, come ci spiega, mancano molti farmaci comuni ed è quasi introvabile l’insulina, in quanto le farmacie non vengono rifornite.

Inoltre, insieme ad Amos, l’altro volontario rimasto appena poche settimane in Ucraina, fa testimonianza nelle scuole, corsi di lingua italiana ad adulti e ragazzi nella sede dell’ADO, mantiene i contatti con “Campanellino” e con Ivan Sandulovich a Cernivci (Qui il suo racconto: Ivan a Cernivci guida la macchina della solidarietà), e regolarmente si coordinano col CSV di Ferrara.

Andrea Musacci

Pubblicato su “La Voce di Ferrara-Comacchio” del 13 maggio 2022

https://www.lavocediferrara.it/

Kabarettiamo, risate a favore dell’IBO

27 Apr

logo IBO Italia

A volte basta far ridere per aiutare persone e popolazioni che vivono in condizioni di estrema povertà. È questo lo spirito che anima “Kabarettiamo. Ridere fa bene…e fa del bene!”, lo spettacolo a fini benefici in programma martedì prossimo, presentato ieri nella Sala degli Arazzi, promosso da IBO Italia e organizzato da Stileventi Group. L’evento vedrà alternarsi sul palco diversi comici: Paolo Franceschini, Duo Torri, Franz & Nico, Domenico Lannutti, Enrico Zambianchi, Max Pieriboni, quest’ultimo l’unico non emiliano e protagonista del programma tv “Colorado”. L’incasso della serata sarà interamente devoluto a favore di IBO Italia, per il progetto Cooper-attiva che, come ha spiegato Sonia Santucci, “vuole rafforzare sette cooperative artigianali dell’Ecuador che lavorano il legno, composte da ragazzi poveri tra i 16 e i 30 anni”, e che verranno aiutate tramite corsi di formazione e l’acquisto di macchinari. Leonardo Punginelli, responsabile Ufficio Giovani Artisti del Comune di Ferrara, ha ricordato come la città sia tradizionalmente “ricca di appuntamenti che uniscono cultura e attenzione al sociale”. A presentare la serata ci sarà la “strana coppia” Roberto Ferrari e Corrado Boldi, i quali hanno spiegato come sia importante “sfatare il mito che il cabaret debba essere solo quello televisivo” e che ”nel pre-show verrà proiettato sul grande schermo un numero di cellulare al quale il pubblico potrà inviare sms o messaggi con WhatsApp”, che verranno letti durante la serata. La scelta di Emilbanca come sponsor non è stata casuale, dati i valori che l’accomunano con IBO. Il Vice Direttore Generale Camazzini e Rita Montanari, Direttrice della filiale di Ferrara, hanno sottolineato come questo progetto sia “un tassello di un mosaico ben più ampio e faccia parte del dna di Emilbanca”.

Andrea Musacci

Pubblicato su la Nuova Ferrara il 27 aprile 2013