Archivio | Wunderkammer RSS feed for this section

A Palazzo Savonuzzi espone la pittrice Barbara Truzzi

13 Mar

wunderkammerIeri nella sede di Wunderkammer, a Palazzo Savonuzzi (in via Darsena a Ferrara) è stata inaugurata la personale di Barbara Truzzi, “Intrecci”, trenta opere astratte dove forme, colori e materiali si intersecano creando un percorso giocoso e profondamente simbolico. “Intrecci” racconta la commistione artistica di cui Barbara si fa portavoce, racchiude le tante anime che contraddistinguono la sua formazione e la sua espressione, che spazia dalla pittura alla musica.
La Truzzi oltre alla mostra ha organizzato due workshop, uno sul “canto consapevole” e uno sulla “pittura del sentire”. Il workshop era in programma ieri, ma verrà ripetuto sabato prossimo dalle 16 alle 19.
La mostra, ad ingresso libero, sarà aperta durante il workshop dalle 14 alle 19. Per partecipare agli incontri, essendo a numero chiuso, è necessaria la prenotazione al numero 328-1470773. Domenica 20 marzo, alle 19, tutti i partecipanti al workshop potranno partecipare a un aperitivo sul Po.

Andrea Musacci

Pubblicato su la Nuova Ferrara il 13 marzo 2016

Annunci

Giornata ricca di inaugurazioni artistiche a Ferrara

12 Mar
1508060_1984026298489186_533130207600611818_n

Un’opera di Clementina Mingozzi (part.)

Anche oggi sarà una giornata ricca di inaugurazioni artistiche a Ferrara.
Si parte alle 14 nella sede di Wunderkammer a Palazzo Savonuzzi, in via Darsena, dove verrà presentata la mostra personale di Barbara Truzzi, intitolata “Intrecci”, trenta opere astratte dove forme, colori e materiali si intersecano creando un percorso giocoso e profondamente simbolico. Insieme alla mostra, l’artista organizza due workshop sul rapporto tra musica e pittura. La mostra, a ingresso libero, è visitabile anche domani, dalle 14 alle 19.
Alle 17, nel chiostro di San Paolo in via Boccaleone, inaugura, invece, la mostra di fotografia, frutto del corso intermedio “Raccontare per immagini” organizzato dal Fotoclub cittadino. Questi gli artisti in parete: Atos Callegari, Dimitra Dimopoulou, Federica Gardinale, Gian Paolo Lorenzoni, Giordano Tunioli, Lorenzo Cavicchi, Luca Martinelli, Maria Cristina Beltrami, Marilena Folegatti, Monica Grazzi, Nicola Sibilia, Riccardo Melloni, Roberto Del Vecchio, Sergio Nichetto. La mostra è visitabile fino al 20 marzo.
Nella Galleria Il Rivellino, alle 17.30, inaugura la personale di Enrico Mantovani dal titolo “Viaggio oltre”, presentata per l’occasione dal presidente del Club Amici dell’Arte, Emidio De Stefano. La rassegna proseguirà fino al 25 marzo e si potrà visitare tutti i giorni dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19, escludo giovedì e domenica pomeriggio.
Infine, l’illustratrice Clementina Mingozzi è la protagonista del progetto espositivo, presentato in catalogo da Lucia Boni, che inaugura alle 18 alla Galleria del Carbone in via del Carbone, 18/a. Fino al prossimo 28 marzo è possibile visitare la sua personale dal titolo “La forza dell’ombra”, con i lavori di quest’artista piemontese ma bolognese di adozione. La mostra è visitabile dal mercoledì al venerdì dalle 17 alle 20, mentre sabato e giorni festivi dalle 11 alle 12.30 e dalle 17 alle 20, lunedì e martedì chiuso.

Andrea Musacci

Pubblicato su la Nuova Ferrara il 12 marzo 2016

“Pappappero”, il laboratorio dei clown a Wunderkammer

20 Feb

index“Pappappero” è il nome dell’originale laboratorio sul clown in programma a Wunderkammer (in via Darsena, 57 a Ferrara). L’evento laboratoriale è il primo del 2016 organizzato dall’Associazione Basso Profilo, e sarà condotto da Alex Turra, il quale accompagnerà i partecipanti in un percorso composto da due moduli, base e avanzato, che comprenderanno il lavoro di gruppo e lo sviluppo di potenzialità individuali. Si comincerà studiando le tecniche di scena di base. Il lavoro in gruppo, adatto anche ai principianti, servirà a liberare l’energia degli attori. Il corso di tecnica base di terrà oggi dalle 15 alle 23, e domani dalle 10.30 alle 18.30.
Il corso di tecnica avanzata si terrà sabato 5, dalle 15 alle 23, e domenica 6 marzo, dalle 10.30 alle 18.30.
Per informazioni e prenotazioni scrivere a alexsturra@yahoo.it o telefonare al 3926453104.

Andrea Musacci

Pubblicato su la Nuova Ferrara il 20 febbraio 2016

Ecco “Modus”, workshop per abitare la Darsena

15 Ott

12088492_1067543783256456_2130710876399950627_n“Modus” è il nome del workshop di co-design artigianale in programma sabato e domenica prossimi a Palazzo Savonuzzi, nella sede di Wunderkammer, in via Darsena 57 a Ferrara. Si tratta di un laboratorio finalizzato alla progettazione e realizzazione di arredi urbani per “abitare” la Darsena di Ferrara.

Il workshop sarà improntato sul dialogo tra disegno industriale e pratica artigianale. Guidati da Mara Melloncelli e Mattia Menegatti di Altrosguardo, i partecipanti saranno chiamati a progettare e prototipare un elemento di social urban design pensato per la Darsena di Ferrara.

In particolare, sabato sarà dedicata alle tecniche di progettazione, con le analisi del metodo progettuale dell’artista e designer Bruno Munari, e alla co-progettazione. Domenica, invece, spazio alla sperimentazione, con l’analisi delle problematiche legate alla realizzazione del progetto preliminare, in termini di materiali e tecniche, oltre al progetto esecutivo e alla realizzazione di un prototipo.

Il workshop rappresenta la terza delle quattro fasi del progetto “Smart Dock: tattiche di riuso intelligente della Darsena di Ferrara”, partito lo scorso 18 settembre, e che si concluderà il 30 ottobre prossimo. “Smart dock” è diretto da Leonardo Delmonte e vede Ilaria Cesari come responsabile della grafica coordinata.

Per informazioni e prenotazioni su “Modus” scrivere una mail a info@altrosguardodesign.it, oppure chiamare il 338-9770775.

Andrea Musacci

Pubblicato su la Nuova Ferrara il 15 ottobre 2015

Al via il progetto “Smart Dock”: cinque giornate con “Risonanze”

18 Set

11659337_885038914919396_3503993005159083959_nCinque giornate per avviare il progetto “Smart Dock”, dedicato alla rivalorizzazione della Darsena di Ferrara.

Il Festival “Risonanze”, in programma da oggi fino a martedì a Palazzo Savonuzzi, in via Darsena, 57, rappresenta infatti la prima delle quattro fasi del progetto volto a promuovere una rigenerazione urbana “dal basso” della Darsena di San Paolo e favorire una riappropriazione del fiume. Così, “Smart Dock”, insieme al progetto “Idrovia Ferrarese”, vuole avviare un processo di coinvolgimento diretto della cittadinanza, cercando di costruire una comunità cosciente della propria storia e identità, ma proiettata verso il futuro.

Oggi alle 20 inaugurazione della mostra degli elaborati dei partecipanti al laboratorio “fotografare per dire” tenuto da Paolo Zappaterra di “Basso Profilo”. A seguire, alle 21 “Milonga solidale” per sostenere la riabilitazione psicofisica delle donne operate al seno. La milonga è organizzata da A.N.D.O.S. con A.s.d. Piccantango e dj Emanuele Serlandi.

Si prosegue domani dalle 19 alle 21 con il concerto in barca di “Horganic”, vale a dire Massimo Mantovani (tastiere Hammond sound), Roberto Formignani (chitarra) e Roberto Poltronieri (batteria). Alle 21 “Tablaito Flamenco” a cura di APS “Encanto”. Domenica, invece, dalle 10 alle 14 Permanent Breakfast, ovvero pic-nic nel frutteto di Palazzo Savonuzzi, parte del progetto “Ri-generazione Urbana 2015”. Alle 19 aperitivo e concerto jam nell’Aula Magna Tassinari della sede della Scuola di Musica Moderna a Savonuzzi. Infine, lunedì e martedì, Opendays, due giorni di confronto per indagare il rapporto tra spazio pubblico, sport, cultura e rigenerazione urbana.

Andrea Musacci

Pubblicato su la Nuova Ferrara il 18 settembre 2015

Estate Doc, finale con l’utopia dell’Isola delle Rose

11 Ago

e (2)Si conclude con l’utopia (impossibile?) di una Repubblica costruita su un’isola artificiale, il programma ferrarese di Estate Doc 2015, curato nella nostra città da Cristina Mazza. Stasera alle 21.30, a ingresso gratuito, a Palazzo Savonuzzi, sede del Consorzio Wunderkammer in via Darsena, 57 a Ferrara, verrà infatti proiettato il documentario “L’isola delle rose – la libertà fa paura” di Stefano Bisulli e Roberto Naccari (2009, durata 58’). I due firmano un interessante lavoro dedicato a ciò che accadde nel 1968, al largo delle coste di Rimini, a soli 11,6 km dalla battigia. Giorgio Rosa, ingegnere di Bologna classe 1925 (ancora vivo), progetta e crea l’Isola delle Rose (in esperanto Insulo de la Rozoj), una piattaforma di 400 m² con lingua ufficiale (l’esperanto, appunto), governo, moneta ed emissione postale. E con la prospettiva di crescere, nel tempo, in dimensioni e identità. Non fu, però, mai riconosciuta da alcuna nazione e nel mese di giugno dello stesso anno fu sottoposta a blocco navale, per essere poi, nel febbraio del 1969 definitivamente demolita.

Andrea Musacci

Pubblicato su la Nuova Ferrara l’11 agosto 2015

Energie verdi nel film di “Estate Doc”

6 Ago

wunderLa doppia faccia delle energie rinnovabili, rivoluzionarie da una parte, ma oggetto anch’esse di speculazioni economiche. Su questi temi scottanti verte il documentario Green Lies di Andrea Paco Mariani e Angelica Gentilini (2014, 68’), che verrà proiettato stasera alle 21.30, a ingresso gratuito, a Palazzo Savonuzzi, sede del Consorzio Wunderkammer, in via Darsena, 57 a Ferrara. L’evento rappresenta la seconda delle tre tappe in programma nella nostra città per la rassegna itineranteEstate Doc – I confini della realtà, dedicata ai documentari di qualità. Curato da Cristina Mazza eWunderkammer, il progetto ha visto il 30 luglio la proiezione de Il risveglio del fiume segreto, di Alessandro Scillitani (2012, 80’), mentre l’11 agosto si concluderà con L’isola delle rose – La libertà fa paura, di Stefano Bisulli e Roberto Naccari (2009, 58’).

Nonostante l’avvento delle energie rinnovabili rappresenti una vera rivoluzione rispetto alla produzione basata sui combustibili fossili, nel nostro Paese stanno emergendo alcune anomalie, esasperate da speculazioni di carattere economico, con ricadute sui territori e le popolazioni locali. In particolare, nel documentario si dà voce ai comitati cittadini di Camugnano (BO) per la produzione eolica, Salento (LE) per la produzione solare e monte Amiata (Toscana) per la geotermia.

Estate Doc è organizzata da D.E-R Documentaristi Emilia-Romagna e Assemblea legislativa regionale.

Andrea Musacci

Pubblicato su la Nuova Ferrara il 06 agosto 2015