Archivio | 12:11

Una vera e propria scena del crimine ieri in Biblioteca Ariostea

12 Lug

IMG_20150711_111009Il nastro bianco e rosso della Polizia di Stato a delimitare uno spazio invalicabile, un manichino/cadavere riverso su alcune sedie, alcuni oggetti abbandonati sul tavolo. Così ieri mattina si presentava il palchetto della Sala Agnelli nella Biblioteca Comunale Ariostea (via Scienze, 17 a Ferrara).

Al posto delle consuete letture pubbliche o conferenze che richiamano decine di persone, la Sala è stata adibita a vera e propria scena del crimine in occasione dell’incontro con la Polizia Scientifica di Bologna, all’interno del programma del festival “Giallo Ferrara”. Attraverso la spiegazione di Alessandro Stradiotti, neo Sovrintendente Capo (è stato il Responsabile Eventi della Biblioteca, Fausto Natali, a comunicargli la promozione dopo l’incontro) e la simulazione, con tanto di tuta bianca d’ordinanza, compiuta dal Sovrintendente Andrea Tresoldi di Ferrara e dall’assistente Francesco Giardina, sono stati spiegati i retroscena, le tecniche e le curiosità di quest’arte scientifica.

ariostea 2Il “classico” delitto di una donna, il cui corpo senza vita è ritrovato sul divano all’interno della sua abitazione, è stato oggetto della simulazione. Si parte col ritrovamento del cadavere, l’arrivo della squadra mobile della Polizia, quindi della Scientifica, e l’inizio del sopralluogo giudiziario. L’osservazione, attraverso luci forensi, e la documentazione scientifica sono fondamentali per fare in modo che «chiunque, anche a distanza di molto tempo, possa comprendere la scena del crimine», che viene dunque “congelata”. Successivamente giunge sul luogo il medico legale, che constata il decesso e la tempistica, attraverso il rigor mortis, il rilevamento delle impronte digitali e di altre tracce. Vengono, dunque, eseguite l’eventuale indagine balistica, l’analisi degli oggetti e i rilievi video e fotografici delle stanze attigue a quella del delitto.

Un lavoro particolarmente interessante quello della Scientifica, dunque, ma molto delicato. Un’indagine scientifica per tentare di raggiungere, o di avvicinarsi il più possibile, all’oggettività, «senza incolpare o discolpare nessuno», cercando di dare un apporto fondamentale alla ricerca della verità.

Andrea Musacci

Pubblicato su la Nuova Ferrara il 12 luglio 2015

“Arte, nutrimento dell’anima”: lo Spazio Altrove nella Milano dell’EXPO

12 Lug

Spazio d'Arte L'Altrove (Francesca Mariotti)“Arte, nutrimento dell’anima” è il nome della mostra dello Spazio l’Altrove di Francesca Mariotti in programma da oggi (inaugurazione ore 18) fino al 20 luglio a Milano, nella Galleria degli Artisti in Via Nirone, 1, ang. C.so Magenta. Gli artisti che espongono sono Anna Galli, Barbara Pellandra, Alessandro Trani, Mariano Moriconi, Mario Esposito e Fabio Cicuto. Per l’occasione sarà presentata la silloge della poetessa Micaela Zambardi, “Nella coperta del soffio vitale” (Faust Edizioni), con le letture recitate dall’attore Lino Fontana.

L’EXPO è, dunque, ancora stimolo per un connubio tra arte e alimentazione e una vetrina per la creatività italiana.

Andrea Musacci

Pubblicato su la Nuova Ferrara l’11 luglio 2015

Al Reload arriva Turi, rapper calabrese

12 Lug

turDopo l’aperitivo con Patrick djset alle 18, stasera alle 21.30 sul palco del Reload Festival in via Alfonso I d’Este salirà Turi, all’anagrafe Salvatore Scattarreggia, rapper calabrese. Turi inizia la sua carriera artistica nel 1994 partecipando a varie jam sessions nei più famosi club hiphop della capitale. Due anni dopo, insieme a Piotta e Dj Squarta, fonda la leggendaria crew Robba Coatta. Il suo esordio discografico avviene nel ‘98 quando partecipa al primo singolo di Piotta “Spingo io”.

Domani sera, invece, sarà il turno del cantautorato teatrale dei Fantasia Pura Italiana con Fabrizio Ganugi (voce, chitarra ritmica), Ivan Crisci (chitarra elettrica), Claudio Laina Brambilla (basso elettrico), Alessio Tanzini (batteria), Tiziano Bollore Nieri (tastiere) e Francesco Gori (recitazione e cori). Mentre lunedì sarà il turno dei C+C=Maxigross, martedì doppio live con Bitter Coconut Dead Fire, e poi Matt Waldon. Quest’ultimo, padovano classe ’83, ha pubblicato l’anno scorso “Learn to love”. I Bitter Coconut sono invece un gruppo funk ferrarese formato da Umberto De Candia (voce), Francesco Grossi (chitarra), Tommy Pavani (chitarra), Marcello Fiorini (basso) e Danny Albieri (batteria).

Andrea Musacci

Pubblicato su la Nuova Ferrara l’11 luglio 2015

“Skin in the Game”, nuova mostra alla Galleria del Carbone

12 Lug

skin“Skin in the Game” è il nome della mostra di Paul Bright e David Houston che inaugura oggi alle 18 nella Galleria del Carbone in Via del Carbone, 18/a a Ferrara. Curata da Gianni Cestari, l’esposizione mostra diciotto de/collages di Bright ottenuti da lembi di manifesti che si sovrappongono e si  ri-combinano  accoppiandosi alle fotografie digitali di David Houston nate per la pubblicità, per la realizzazione di manifesti. Nell’allestimento i collages saranno appesi in sovrapposizione alle stampe digitali per  valorizzare il dialogo tra i due. Per l’inaugurazione si svolgerà un breve recital pianistico di Jacques Lazzari che eseguirà alcune sue composizioni realizzate appositamente.

La mostra ha il patrocinio del Comune di Ferrara e sarò visitabile fino al 2 agosto nei seguenti orari: dal lunedì al venerdì, dalle ore 17 alle 20.

Andrea Musacci

Pubblicato su la Nuova Ferrara l’11 luglio 2015