Archivio | 06:56

La Cina è l’ospite d’onore alla Biennale Internazionale d’Arte

21 Giu

10288777_10152618190777150_6781384590042588717_nProprio quattordici anni fa nacque l’idea di una Biennale Internazionale d’Arte nella nostra città. Oggi alle 18.30 al Chiostro di San Paolo in p.zzetta Schiatti inaugura la settima edizione di questo grande evento organizzato dall’Associazione Culturale “Ferrara Pro Art”, che intende far incontrare più di sessanta artisti, tra  talenti emergenti e altri già affermati. L’edizione 2014 – che si svolgerà in varie sessioni fino al 15 dicembre prossimo con nove eventi totali – è dedicata all’arte della Cina, con la presenza di un gruppo d’artisti cinesi operanti a livello internazionale. La manifestazione è spalmata in varie locations storiche della città, creando un continuo e sempre nuovo raccordo tra arte antica e arte contemporanea.

Queste le locations cittadine che ospiteranno le diverse mostre: Porta degli Angeli, Ex Refettorio del Complesso di S.Paolo, Sala S.Francesco, Castello Estense, Palazzo Roverella-Atelier Roverella, Palazzo Scroffa – Il Camerone, Galleria Idearte, Grotte del Boldini, Chiostro Grande di San Paolo. Questa caratteristica tipica della Biennale, di essere ospitata in luoghi sempre diversi, è un’occasione, quindi, per turisti e ferraresi di apprezzare, oltre alle varie espressioni estetiche, luoghi dimenticati ed insoliti della città estense. Undici sono gli artisti che apriranno la prima esposizione alla 7° Biennale: Dai Chaoqun, Ludmilla Swarczewskaja, Marcel Klein, Fabio “Snoze” D’Agostino, Enrico Dalfiume, Dario Barsottelli, Annamaria Di Nitto, Brigitte Ostwald, Morgan Zangrossi, Anna Rita Cacciatore, Iris Paoletti.

L’inaugurazione di oggi sarà accompagnata da un cocktail a buffet con assaggio di specialità ferraresi e dalla performance multimediale dal titolo “Robotomo” condotta dal musicista Andrea Lovato e dall’artista performer Nicola Capiluppi. Vi saranno Andrea Lovato (voice, looper, effects), Nicola Capiluppi Art (Art Performer e Noiser) e Anna Morandi (voice).

Andrea Musacci

Pubblicato su la Nuova Ferrara il 21 giugno 2014

Stasera la musica di Madaski e Bunna

21 Giu

10394477_652593698144755_2151789688714470224_nStasera alle 21 in occasione della riapertura del “Camelot café” al Parco Urbano G. Bassani di via Bacchelli a Ferrara, avrà luogo il concerto di Madaski e Bunna, anime storiche del gruppo reaggae/dub Africa Unite. L’evento fa parte del programma della Giornata Mondiale del rifugiato, organizzata dalla Cooperativa sociale Camelot – Officine Cooperative dal 19 al 22 giugno a Ferrara e Cento. Ad aprire il concerto degli Africa Unite – System of a Sound (questo il nome completo del nuovo progetto)sarà il gruppo ferrarese Le pietre in tasca, formato da: Ilaria Boselli (voce), Andrea Marchesin (basso), Massimo “Bistek” Ragazzi (batteria), Paolo Finessi (percussioni), Elia Delli Carri (chitarra) e Alessio Bettoli (Dub Master). Il gruppo è nato appena due anni fa, nel 2012. Nel lontano 1981, invece, a Pinerolo, vicino Torino, Bunna e Madaski, allora adolescenti, si unirono per formare gli Africa Unite, ispirandosi all’omonima canzone di Bob Marley, proprio nell’anno della sua scomparsa. Il primo disco sarà Mjekrari nel 1987, al quale seguiranno altri dieci album studio, due live e diverse raccolte. L’anno scorso è stato il ventesimo anno dell’album di successo “Babilonia e poesia” e per celebrare questo importante anniversario, gli Africa Unite da aprile a settembre hanno portano in tour quel disco con la stessa formazione di vent’anni prima.

Questo il programma completo della Giornata: alle 16:30, laboratorio artistico “Scavalchiamo i muri che ci dividono”, alle 17, tavola rotonda “La civiltà dell’accoglienza: ruolo dei media ed esperienze di condivisione”, con Luigi Manconi, Valentina Brinis, Tahar Lamri e ‘Occhio ai media’. Alle 19 aperitivo con djset, alle 21 Le Pietre in Tasca e alle 22 Africa Unite – System of a Sound. Domani, invece, alle 17 nuovamente il laboratorio artistico, mentre alle 18 Wu Ming e Girolamo De Michele presentano “L’armata dei sonnambuli” e alle 21 live “Wu Ming Contingent”.

Andrea Musacci

Pubblicato su la Nuova Ferrara il 21 giugno 2014