Archivio | 09:42

Storie di guerra nel volume di Giulio Supino

20 Nov

download (1)Il volume di Giulio Supino, “Diario della guerra che non ho combattuto. Un italiano ebreo tra persecuzione e resistenza” (Firenze, ASKA, 2014), verrà presentato oggi alle 17 presso la Sala Mostre del Museo del Risorgimento e della Resistenza, in C.so Ercole I d’Este, 19. L’evento, organizzato con la Fondazione Giorgio Bassani, vedrà gli interventi di Paola Bassani (Presidente della Fondazione), Michele Sarfatti (curatore, Direttore  del Centro di Documentazione Ebraica di Milano e tra i massimi studiosi dell’ebraismo italiano), Antonella Guarnieri (Storica del Museo del Risorgimento e della Resistenza), Valentina Supino (figlia di Giulio) e Michele Tortora (Prefetto di Ferrara).

Giulio Supino (1898–1978) nel ‘27 inizia la carriera universitaria a Bologna, interrotta nel ‘38 a seguito della promulgazione delle leggi razziali, mentre dal ‘41 al ‘43 insegna nell’Università clandestina di Roma; solo nel ’46 riprende l’insegnamento. Dal ‘62 al ‘68 è Prorettore Vicario dell’Università di Bologna, e dal ‘65 al ‘68 Preside della Facoltà di Ingegneria.

Nel periodo della guerra conosce Giorgio Bassani, che sin dalla metà degli anni ’30 comincia il proprio percorso di critica al regime fascista. Nel dopoguerra Supino e Bassani s’incontrano di nuovo: quest’ultimo, nelle vesti di presidente di Italia Nostra, contatta Supino per approfondire le tematiche idrauliche relative al salvataggio di Venezia.

Nel volume vi sono gli appunti di Supino dei periodi ’39-‘40 e ‘43-‘45 (mentre per il periodo intermedio sono conservati fogli sparsi). Il titolo del libro è quello che l’autore stesso appose a un progetto di autobiografia, intrapreso dopo la guerra e mai concluso.

Andrea Musacci

Pubblicato su la Nuova Ferrara il 20 novembre 2014

Annunci

“Raccontando Mogol” oggi a Ibs.it

20 Nov

downloadPresso la libreria IBS.it in Piazza Trento e Trieste a Ferrara, oggi alle 17.30 avrà luogo la presentazione del libro “Raccontando Mogol” (edito da Ass. Culturale Il Foglio, 2014), dedicata al noto paroliere e produttore discografico, al secolo Giulio Rapetti (Milano, 1936). Parteciperanno all’evento Gino Saladini e Giovanni Favero, autori del libro, Alessandro Formenti, cantante, chitarrista e insegnante di canto, a cui spetterà il compito di eseguire le sette straordinarie canzoni di Mogol che ispirano i racconti del libro, e l’artista hip-hop Pico Rama, che leggerà un racconto e parteciperà alla discussione. Inoltre, interverrà Roberta Girotto, Responsabile relazioni esterne del CET (Centro Europeo di Toscolano), associazione no-profit fondata nel 1992 dallo stesso Mogol per valorizzare nuovi professionisti della musica pop.

Andrea Musacci

Pubblicato su la Nuova Ferrara il 20 novembre 2014