Archivio | 10:57

All’Ariostea ecco “La scuola dell’ascolto”

10 Feb

Tra i numerosi eventi organizzati dalla Fondazione Teatro Comunale, oggi inaugura un nuovo ciclo dal titolo “La scuola dell’ascolto”. Nella Sala Agnelli della Biblioteca Ariostea in via Scienze, 17 a Ferrara avranno luogo quattro incontri, curati da Fabrizio Festa, compositore e direttore d’orchestra, per conoscere le parole della musica. Si inizia oggi alle 17 col tema “Natura”, si prosegue, sempre allo stesso orario, il 10 marzo con “Forma”, il  7 aprile con “Sublime” e il 12 maggio con “Genio”.

Andrea Musacci

Pubblicato su la Nuova Ferrara il 10 febbraio 2014

Annunci

La rappresentazione dei terremoti secondo Rinaldi

10 Feb

2014-02-06 17.12.52In occasione della V edizione de “Il presente remoto – Conversazioni etno-antropologiche”, ieri nella Sala Agnelli della Biblioteca Ariostea ha avuto luogo l’incontro “Le raffigurazioni dei terremoti – Immagini e immaginari della terra che trema”, con la presentazione dell’e-book di Antonella Iaschi ed Emiliano Rinaldi, “Piccola geografia della memoria. Appunti di iconografia sismica” (edito da Festina Lente Editore). Roberto Roda ha dialogato con Rinaldi, il quale ha curato la fotografia e la ricerca iconografica, mentre la Iaschi si  è dedicata alla poesia. Come ha spiegato Roda, “Rinaldi ha fatto un’operazione molto interessante, cioè di scavare per cercare i modi nei quali i terremoti sono rappresentati”, a livello fotografico, cinematografico di cultura popolare-religiosa, dall’antichità fino ad oggi. Capire, dunque, “come il terremoto entra nell’immaginario collettivo”.2014-02-06 17.01.01

Attraverso la proiezione di diverse immagini, i due relatori hanno ripercorso la storia di alcuni luoghi terremotati, testimoniati attraverso immagini fotografiche, ma anche grazie a dipinti ex voto, locandine di film, pubblicità, oggetti di moda e copertine di riviste di fumetti riguardanti il tema in questione. La nascita della fotografia “cambia radicalmente la rappresentazione degli effetti del terremoto”. Così dal 1857, primo caso di fotografia di un luogo terremotato, si passa ad esempio alle immagini del terremoto di San Francisco del 1906 e a quelle di Messina del 1908.

Andrea Musacci

A febbraio i nuovi corsi “FormArci”

10 Feb

Iniziano i corsi “FormArci” organizzati dall’Arci di Ferrara. Oltre ai corsi di base di Photoshop, Fotografia e Joomla, vi saranno anche due corsi completi su Adobe Photoshop e Adobe Illustrator e un corso di Contabilità e Amministrazione computerizzata sul Gestionale Zucchetti. Lunedì 10 febbraio dalle 18 alle 21 prende avvio il corso su Adobe Photoshop completo, mentre dalle 21 alle 23 quello su Adobe Photoshop base. Martedì 11 alle 19 parte il primo modulo del corso sul Gestionale Zucchetti e alle 21.30 il corso di fotografia base, mentre mercoledì 12 alle 21 parte il corso su Adobe Illustrator completo. Infine giovedì 13 alle 21 si inizia col corso su Joomla Web Master base.

Tutti i corsi si terranno in Via Medini, 28 a Ferrara. Per info. ed iscrizioni compilare il modulo su http://www.formarci.org o mandare una mail a info@formarci.org. Per partecipare al corso è necessaria la tessera Arci, che è possibile sottoscrivere alla prima lezione.

Andrea Musacci

Pubblicato su la Nuova Ferrara il 10 febbraio 2014

Allo spazio d’arte l’Altrove “Paradossali tensioni artistiche”

10 Feb

Buci SopelsaSabato 1 febbraio ha avuto luogo il vernissage della mostra “Paradossali tensioni artistiche” allo Spazio d’arte l’Altrove in via De’ Romei, 38 a Ferrara, visitabile fino al 15 febbraio. L’esposizione, curata da Francesca Mariotti, Laura Menarini, Silvia Greggio e Fabrizia Lotta, rappresenta la prima delle cinque rassegne del progetto “Tensioni e paradossi del contemporaneo”. Quattro sono i protagonisti della mostra: Roberto Rossi, Buci Sopelsa, Aldo Decima e Renato Meneghetti. Attraverso un approccio simbolico, spesso surrealista, ognuno di essi tenta di trascendere le contraddizioni delle società contemporanea, sublimandole in un ritorno alla natura o anche solo mostrando il tormento, l’angoscia più profonda del singolo, accentuati da un sistema che ha mercificato anche ciò che vi è di più sacro. La galleria è aperta dal lunedì al venerdì dalle 16.30 alle 19.30 e  il sabato su appuntamento. Chiusura giovedì e domenica.

Andrea Musacci

Pubblicato su la Nuova Ferrara il 10 febbraio 2014

(nella foto: opera di Buci Sopelsa)