Archivio | Beneficenza RSS feed for this section

Barco, i 35 anni del centro sociale

24 Nov

E’ stato il primo sodalizio per anziani nato in Regione

foto_23nov2016_1a

Da sinistra, Fava, Artini, Giberti e Battaglioli, durante la conferenza stampa

Tutto nasce 35 anni fa da un fiasco di vino e un salame, da condividere mentre si gioca a carte. È così che l’11 febbraio 1981 prenderà vita il Centro Sociale per anziani “Il Barco”, oggi Centro di promozione sociale, il primo Centro Anziani nato in Regione e uno dei primi in Italia. Per festeggiare insieme a tutta la cittadinanza questa importante ricorrenza, sabato mattina dalle 10.30 vi sarà una festa nella sede di via Indipendenza, 40.

L’iniziativa è stata presentata ieri nel Municipio di Ferrara alla presenza del portavoce del Sindaco Anna Rosa Fava, il presidente del Centro Eridano Battaglioli, il responsabile delle attività del Centro Paolo Giberti e il presidente del coordinamento provinciale di Ancescao (Associazione nazionale centri sociali, comitati anziani e orti) Gianni Artini. Della «vivacità del quartiere Barco, grazie alla rete di associazioni», ha parlato la Fava, che ha ricordato come il Centro faccia parte del comitato “VivaBarcoViva”. «Insomma – ha proseguito – è un esempio da esportare nelle altre zone del Comune, un modello virtuoso di cittadinanza attiva».

Giberti ha dunque preso la parola per ricordare come «il quartiere non abbia vissuto sempre momenti facili, soprattutto 30-40 anni fa, ma il nostro Centro è sempre stato una presenza viva, un aiuto per affrontare le difficoltà. Sperando in una continuità generazionale, invitiamo soprattutto i più giovani a partecipare a questo che è un luogo di accoglienza e di aggregazione». Dopo l’intervento del Presidente Battaglioli, che ha ricordato le molte donne volontarie, e la loro importanza anche per l’aspetto finanziario del Centro, ha preso la parola Artini che ha spiegato come nel nostro territorio comunale vi siano «quindici Centri sociali per un totale di circa 10.000 associati», dei quali circa 200 attivi nel Centro del Barco.

Sabato il programma prevede alle 10.30 la presentazione della storia del Centro, con interventi di Battaglioli, Giberti e Artini, alle 11.15 l’intervento delle autorità e alle 12.15 proiezione di foto e rinfresco.

Andrea Musacci

Pubblicato su la Nuova Ferrara il 24 novembre 2016

Arte e musica per l’Associazione Giulia

27 Ago
13625374_10209113019201141_7450438658431682144_n

(foto Francesca Mariotti)

Una grande tela divisa in piccole porzioni che verranno vendute per sostenere l’Associazione di volontariato Giulia. Oggi dalle 18 alle 22 nello Spazio d’arte l’Altrove in via de’ Romei, 38 avrà luogo la seconda parte del progetto “Aria, sole e….la bellezza dell’arte”. La prima parte, svoltasi lo scorso 10 luglio a Palazzo Scroffa, ha visto gli artisti Mauro Malafronte, Claudia Ferrara e Arianna Toselli creare liberamente una grande tela di 3×2 m.

Le porzioni dell’opera verranno tagliate su richiesta dagli stessi artisti in porzioni di 20×30 cm. ed eventuali multipli, e vendute al costo di euro 10 ognuna.

Inoltre, Katia Zanardi (voce) e Francesca di Raimondo con la danza animeranno la serata. Ricordiamo, infine, che fino al 30 agosto a l’Altrove è possibile visitare la personale di pittura di Mirka Perseghetti, “On the road”, dedicata ai musicisti di strada.

Andrea Musacci

Dramma in Siria sotto le bombe dell’ISIS

29 Apr

La testimonianza del Vescovo di Aleppo: è in atto un genocidio contro i cristiani, in 4 anni in fuga oltre 100mila persone

Negri, Audo, Monteduro

Mons. Luigi Negri, Mons. Antoine Audo e Alessandro Monteduro

«Ad Aleppo l’80% della popolazione è senza lavoro, manca acqua ed elettricità, e temiamo che ISIS arrivi presto anche qui». È l’ennesimo grido d’aiuto quello che ieri mattina nel Seminario di via G. Fabbri, Mons. Antoine Audo, vescovo caldeo di Aleppo e presidente della Caritas siriana, ha rivolto ai sacerdoti e indirettamente a tutta la cittadinanza. Per la sua tappa ferrarese, Audo è stato invitato da Mons. Luigi Negri con l’organizzazione della onlus “Aiuto alla Chiesa che soffre” (Acs), con la quale la Diocesi ferrarese collabora da alcuni mesi, e per la quale era presente il Direttore della sezione italiana Alessandro Monteduro.

«Ad Aleppo la situazione è davvero tragica, la più drammatica in tutta la Siria, sia per gli attacchi dei gruppi armati islamici, sia per i bombardamenti dell’esercito ufficiale», ha spiegato Mons. Audo. «C’è un calo vertiginoso della popolazione, quindi la cosa più importante è che non ci sia più un esodo dei cristiani: in quattro anni d’assedio due terzi di loro hanno abbandonato la città, passando da 150mila a 50mila». Le notizie degli ultimi giorni parlano dell’esercito dell’ISIS a nord di Aleppo, e ciò, per Audo, significa «che si rischia, come a Mosul, di arrivare alla fine della presenza millenaria dei cristiani». È un vero e proprio genocidio quello ai danni di questa minoranza, che dimostra, secondo il vescovo di Aleppo, «l’enorme problema dell’Islam nel sovrapporre politica e religione, usando Dio solo per volontà di dominio». Le testimonianze di fede ad Aleppo, come in Iraq, però, non mancano, «ogni giorno – ha spiegato Audo – firmo molti certificati di battesimo e di matrimonio». Oggi in Siria, come in tutto il Medio-Oriente, «sarebbe fondamentale una convivenza pur nella diversità tra le varie fedi ed etnie».

Sono state una decina le domande rivolte a Mons. Audo da parte dei sacerdoti presenti, a dimostrazione del profondo interesse della Chiesa ferrarese verso la situazione della popolazione siriana. Alcune delle domande, in particolare, hanno riguardato il rapporto con i musulmani presenti nel nostro Paese, e le possibili modalità di aiuto concreto.

Ricordiamo come dal 2014, sopra l’entrata principale del Palazzo Arcivescovile su c.so Martiri della Libertà, sia stato esposto il marchio con l’iniziale di “Nassarah” (Nazareno), e un anno e mezzo fa sia stato formalizzato il gemellaggio tra la nostra Diocesi e quella di Erbil in Iraq, con una raccolta fondi. Inoltre, una settimana fa al Cinema S. Spirito sono intervenuti Rodolfo Casadei (giornalista inviato in Siria e Iraq) e p. Rebwar Audish Bassa, sacerdote iracheno. Infine, ricordiamo che oggi alle 20 mons. Audo interverrà all’evento organizzato da Acs a Roma, durante il quale verrà illuminata di rosso la Fontana di Trevi in ricordo dei martiri cristiani. Per info e aiuti all’Associazione visitare il sito http://www.acs-italia.org.

Andrea Musacci

Pubblicato su la Nuova Ferrara il 29 aprile 2016

Oggi alle 18.30 alla Racchetta asta artistica per il piccolo Michael e Associazione Giulia

16 Apr

Qui sotto le immagini di alcune delle opere in mostra.

Dopo quasi tre anni nei quali si sono moltiplicate le iniziative di solidarietà, a Palazzo della Racchetta (in via Vaspergolo a Ferrara) è in programma un nuovo evento per aiutare il piccolo Michael Sanguin, il bambino di XII Morelli affetto dalla malattia metabolica mitocondriale rara, oltre che per sostenere l’Associazione Giulia Onlus.

L’iniziativa, promossa da Enrico Ravegnani e Anna Suriano prevede una collettiva  (visitabile fino al 19 aprile) dei seguenti artisti: Laura Govoni, Nicoletta Marchi, Graziano Villani, Maurizia Braga, Roberto Pagnani, Fabbriano, Mauro Patarchi, Elena Schellino, Rossano Di Cicco Morra, Marco Jannotta, Daniele Cestari, Riccardo Bottazzi, Valentina Pozzati, Fabio Adranno, Giuliano Trombini, Maurizio Ganzaroli, Gian Franco Ganzaroli, Alejandro Ventura. Oggi per l’inaugurazione vi sarà la musica del pianista Jaques Lazzari, del duo Elena Fabbri-Christian De Sandre e la voce di Cristina Chiaffoni.

Oggi, sabato, dalle 18.30, asta di beneficenza di svariate opere in parete, mentre alle 17.30 vi sarà la presentazione del libro “Haloa, non solo cancro” di Barbara Mariani, con la dott.ssa Giovanna Zappaterra.

Andrea Musacci

Mostra di pittura e asta per aiutare il piccolo Michael

13 Apr
10003051_1234259239924681_9121472031693846248_n

(foto d’archivio)

Dopo quasi tre anni nei quali si sono moltiplicate le iniziative di solidarietà, a Palazzo della Racchetta (in via Vaspergolo a Ferrara) è in programma un nuovo evento per aiutare il piccolo Michael Sanguin, il bambino di XII Morelli affetto dalla malattia metabolica mitocondriale rara, oltre che per sostenere l’Associazione Giulia Onlus.

L’iniziativa, promossa da Enrico Ravegnani e Anna Suriano prende il via oggi alle 19 con l’inaugurazione della collettiva pittorica (visitabile fino al 19 aprile) dei seguenti artisti: Laura Govoni, Nicoletta Marchi, Graziano Villani, Maurizia Braga, Roberto Pagnani, Fabbriano, Mauro Patarchi, Elena Schellino, Rossano Di Cicco Morra, Marco Jannotta, Daniele Cestari, Riccardo Bottazzi, Valentina Pozzati, Fabio Adranno, Giuliano Trombini, Maurizio Ganzaroli, Gian Franco Ganzaroli, Alejandro Ventura. Oggi per l’inaugurazione vi sarà la musica del pianista Jaques Lazzari, del duo Elena Fabbri-Christian De Sandre e la voce di Cristina Chiaffoni. Infine, sabato dalle 18.30, asta di beneficenza di svariate opere in parete, mentre alle 17.30 vi sarà la presentazione del libro “Haloa, non solo cancro” di Barbara Mariani, con la dott.ssa Giovanna Zappaterra.

Andrea Musacci

Pubblicato su la Nuova Ferrara il 13 aprile 2016

Le nuove esposizioni aperte a Ferrara in questi giorni

19 Mar
12799251_215916142095444_7640786900730182620_n

Le opere in mostra in via Garibaldi

Nuove esposizioni artistiche sono visitabili nella nostra città.
Nell’atelier “O stagioni o castelli!”, in via Armari, 3 a Ferrara, oggi alle 17 viene inaugurata la mostra “L’infinito delle immagini nello straordinario esplodere figurativo e informale” di Manuel Benini. Durante l’inaugurazione interverrà Silvia Reatti. La mostra è visitabile oggi, sabato 26 e domenica 27 marzo.
Inoltre, ricordiamo che nella clinica Ferrara Day Surgery fino al 3 maggio è visitabile la personale del giovane artista Luca Filippini, dal titolo “Dalle metropoli alle foreste”, a cura di Francesca Mariotti. La mostra è visitabile dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 19.
Infine, ieri pomeriggio in via Garibaldi, 1 è stata presentata la mostra “L’arte e le sue manifestazioni” promossa dall’Associazione “Viale K” di don Domenico Bedin e curata da Omar Filippini. L’esposizione, visitabile fino al 19 aprile, vuol far conoscere e sostenere i progetti della “Viale K”. Le opere di Davide Martinazzo, Roberta Fiano, Monica Cirtica, Paolo Cozzolino, Alla Byckova saranno affiancate a quelle di maestri come Salvador Dalì, Carmi Eugenio, Barreda Albert, Valentini Walter e Tilson, grazie a collezionisti privati.

Andrea Musacci

Pubblicato su la Nuova Ferrara il 19 marzo 2016

Immagine

Le artistiche riviste di Mimì Buzzacchi a Idearte, per sostenere l’ADMO

17 Feb

La mostra degli ingrandimenti digitali in alta definizione delle copertine della “Rivista di Ferrara” (1933-1935) realizzate da Mimì Quilici Buzzacchi (1903-1990), è stata inaugurata sabato nell’Idearte Gallery in via Terranuova, 44 a Ferrara. L’esposizione, visitabile fino al 26 febbraio, è la terza dopo quella nel Salone d’onore del Municipio di Ferrara e nella Sala Espositiva della Delizia Estense di Belriguardo a Voghiera.
La mostra, con anche le riviste originali, è a cura dell’Associazione Culturale Stileitalico, in collaborazione con Associazione Culturale Ferrara Pro Art e Ideasalute s.r.l. Le opere digitali con le 32 copertine della Rivista di Ferrara saranno cedute a 100 euro ciascuna a totale beneficenza di ADMO (Associazione Donatori Midollo Osseo). Agli acquirenti verrà rilasciata una ricevuta come “contributo liberale” ad ADMO.

– Sono ancora disponibili una quindicina di copertine –

La mostra è visitabile dalle 10 alle 12.30 e dalle 16 alle 19.30, sabato e domenica su appuntamento.

Andrea Musacci